Piazza del Plebiscito e i suoi monumenti

Piazza del Plebiscito con i suoi monumenti storici è sicuramente una delle zone più belle di Napoli ed è assolutamente una priorità visitarla.

Di seguito le principali attrazioni da vedere,

mentre se vuoi degli approfondimenti ti invito qui.

Il nostro blog è costantemente aggiornato e ti offrirà non solo spunti su cosa visitare, ma ti darà dettagli tecnici dei singoli monumenti di Napoli

 

PIAZZA DEL PLEBISCITO

La Piazza rappresentativa di Napoli. Maestosa, affascinante, ricca di storia. Passeggiare a Piazza del Plebiscito è un tuffo nel passato che ti offre un senso di pace e libertà.

Piazza del Plebiscito esiste sin dal 1543, successivamente alla costruzione di un palazzo vicereale, in seguito diventato l’attuale Palazzo Reale di Napoli. Solo con la successiva edificazione del Palazzo Reale la piazza assume le sembianze di ciò che è oggi. Il progetto del Palazzo Reale fu affidato a Domenico Fontana che decise di trasferire l’ingresso della residenza reale dove è oggi. Il “largo di Palazzo” divenne in poco tempo fulcro della vita quotidiana dei cittadini, punto di incontro e di riferimento, ovvero ciò che è oggi.

Sulla destra si erge maestosa la Chiesa di San Francesco di Paola, con il suo colonnato che ricorda vagamente quello di San Pietro, mentre alla sinistra è possibile ammirare il Palazzo Reale. La chiesa in stile neoclassico fu terminata nel 1849, dopo ben 40 anni dall’inizio dei lavori.

Uno dei posti più rinomati ed antichi di Napoli in cui è possibile rinfrescarsi ed assaggiare un ottimo caffè è proprio sito in Piazza del Plebiscito. Il caffè è una delle specialità di Napoli perché è proprio in questa città che veniva utilizzata la “cuccumella”, una tipologia di macchinetta per il caffè particolare, che differenziava il caffè napoletano da quello di altri posti.

Inoltre è impossibile non tentare la sfida lanciata ai prigionieri dalla Regina Margherita di Savoia. Leggenda narra che Margherita di Savoia una volta al mese sottoponeva ad una prova uno dei suoi prigionieri a costo della vita: attraversare in linea retta lo spazio tra le due statue, progettato appositamente per rendere impossibile il trionfo. A tal proposito si racconta che il fallimento sia dovuto ad una maledizione lanciata dalla regina, sebbene in realtà è probabilmente dovuto alla progettazione della pavimentazione.

PALAZZO REALE

 

Il Palazzo Reale è situato a Piazza del Plebiscito ed è stata la residenza dei viceré spagnoli. Chiunque sia interessato a visitare la città di Napoli ed immedesimarsi per qualche ora nelle vesti dei reali non può non visitare questo meraviglioso complesso. È possibile passeggiare tra le stanze degli appartamenti reali ritrovando l’essenza delle varie epoche che lo caratterizzano e dei sovrani che lo hanno abitato. La meraviglia e lo stupore del ritrovarsi dinnanzi alle stanze regali con i letti a baldacchino ed i maestosi lampadari in oro, l’incredulità dinnanzi alla vastità degli spazi utilizzati dai sovrani che il solo attraversarli proietta il visitatore in un universo parallelo e gli lascia rivivere le fiabe ed i sogni percorsi da bambino, l’incredibile ricchezza nascosta in ogni minimo dettaglio pensato e progettati ai fini di rendere il tutto perfetto e lussuoso. All’interno del complesso è possibile visitare anche la Cappella Palatina, la Biblioteca Nazionale ed i giardini del palazzo

 

ORARIO:

9:00 – 20:00 (il mercoledì è chiuso)

ingresso consentito fino ad un'ora prima della chiusura

 

PREZZI:

Per i gruppi: orario a scelta

lingua: italiano, inglese, francese, spagnolo, tedesco
partecipanti: max 30 persone
costo: € 130,00
durata: 1 ora
prenotazione: obbligatoria

 

Per le scuole: attività didattiche varie da prenotare (visite gioco ed itinerari tematici)

 

Audioguide: italiano, inglese, francese

durata: 1 ora

prezzo: 4 €

TEATRO DI SAN CARLO

 

Nei pressi di Piazza del Plebiscito sorge il tempio della lirica e del balletto, un teatro di fama internazionale, più antico della Scala di Milano: il Teatro di San Carlo. Oltre ad essere un celebre teatro lirico contenente ricchezze storico- artistiche importanti ed oltre ad ospitare celebri spettacoli nei suoi ampi e sfarzosi spazi, al suo interno è possibile visitare anche il MeMus. Il Museo ed Archivio Storico del Teatro di San Carlo è un museo innovativo, ricco di tecnologie, in cui è possibile ripercorrere la storia del teatro e le sue vicende artistiche passate che gli hanno reso grande fama e successo. Il museo comprende le migliori nuove tecnologie, tra cui anche il 3D ed è pensato come centro polifunzionale piuttosto che come museo tradizionale. L’esperienza 3D è fondamentale per chiunque sia appassionato di arte e di storia ma ancor di più per tutti coloro che sono incuriositi dalle nuove tecnologie e dall’innovazione tecnologica che pervade il mondo della globalizzazione ed il pianeta nel ventunesimo secolo.

 

ORARIO:

Da lunedì a domenica visite guidate

Turni: Mattina:  10.30; 11.30; 12.30

             Pomeriggio: 14.30; 15.30; 16.30

 

Ogni visita dura circa 45 minuti, escluso il MeMus

Il MeMUS ad Agosto resta chiuso

 

PREZZI:

Ingresso (solo Teatro di San Carlo):  

intero: 7€      ridotto 5€     scuole 3€ 

 

Ingresso (solo MeMus):

intero: 6€     ridotto 5€     scuole 3€ 

 

il ridotto è valido per gli under 30 e gli over 60

     

Coloro che decidono di visitare entrambi i siti potranno acquistare il biglietto per MeMUS al prezzo speciale di 3 euro.

 

Per i gruppi (solo Teatro San Carlo):

negli orari abituali di apertura delle visite guidate (10.30-16.30)

da 25 a 35 persone il costo è di € 5 cadauno (il gruppo è inserito nel turno con altri visitatori)

da 35 persone in su viene chiuso un intero turno, per cui il costo è di € 5 cadauno più € 150 per la guida in esclusiva.

 

Negli orari extra i costi possono subire variazioni

 

Le visite sono in ITALIANO e in INGLESE. Per altre lingue straniere è possibile fare specifica richiesta all'atto della prenotazione (ciò prevede costi aggiuntivi).

Ad Agosto il servizio prenotazioni è sospeso. I visitatori possono acquistare il biglietto direttamente all'ingresso.


Per i gruppi superiori a 10 persone è necessaria la prenotazione via email. 

GALLERIA UMBERTO

 

La Galleria Umberto è situata nei pressi di Piazza del Plebiscito. Interessante punto di ritrovo e galleria commerciale caratterizzata da alcuni dei negozi più famosi in Italia. Un punto in cui è possibile assaporare le squisitezze che propone la città del sole. La Galleria Umberto è progettata e strutturata come la Galleria Vittorio Emanuele II di Milano: con quattro ingressi, a pianta centrale ricoperta da una cupola, suddivisa in otto pennacchi contenenti otto figure femminili. Inoltre è possibile ammirare i segni dello zodiaco ed i venti rappresentati nel mosaico del pavimento, al centro della galleria. La Galleria Umberto è la sede della massoneria italiana infatti tra un aperitivo, una sfogliatella ed un gelato è possibile notare le stelle di Davide raffigurate sulle quattro finestre. Luogo perfetto per riposarsi e rinfrescarsi dopo una lunga passeggiata turistica o una lunga giornata di shopping tra le strade della città. 

 

 

CASTEL NUOVO

 

Castel Nuovo, erroneamente chiamato Maschio Angioino dai napoletani, è uno dei simboli della città. Il castello predomina Piazza Municipio in tutta la sua imponenza e grandezza, nasconde storie ed avvenimenti inimmaginabili comprendenti l’Italia e l’Europa. Oltre al fascino della sua struttura e della sua storia, nasconde segreti e simboli esoterici e massonici che è possibile scoprire e scovare lungo il percorso al suo interno. Imperdibile la visita alla sala dei Baroni affrescata da Giotto, in stile Medievale che rimanda ad un episodio interessante da cui prende il nome. La sala è stata chiamata così perché Ferrante D’Aragona tese una trappola ad alcuni baroni che congiurarono contro di lui: li invitò in questa stanza facendogli credere di aver ricevuto un invito per le nozze della nipote, ingannandoli. In realtà i baroni erano stati convocati per essere arrestati e condannati a morte. A tal proposito è possibile visitare la fossa dei Baroni nelle prigioni in cui sono collocate le quattro bare dei nobili che presero parte alla congiura. L’altra zona delle prigioni, la fossa del coccodrillo, nasconde un’ulteriore leggenda secondo la quale i prigionieri sparivano a causa di un coccodrillo che si introduceva attraverso una fessura nei sotterranei e trascinava in mare le proprie vittime. Si racconta che dopo aver scoperto l’accaduto ed aver sfruttato la questione a proprio vantaggio per del tempo, si utilizzò una coscia di cavallo avvelenata per catturare ed uccidere il coccodrillo che successivamente venne impagliato e divenne un simbolo, esposto all'ingresso della fortezza.

 

Museo Civico di Castel Nuovo:  

ORARIO:

9:00 19:00 – ingresso consentito fino ad un’ora prima della chiusura





PREZZI:

Intero: 6 €

Ridotto con artecard: 3 €